Il caso Boffo e l’etica dell’immoralità

Da Micromega (di Paolo Farinella, prete):

Ecco come sono andate le cose, a mio modesto avviso e come le ho descritte in questi mesi passati. C’è un asse di ferro tra Vaticano, Cei e governo Berlusconi: i preti sostengono anche col voto il governo e la sua maggioranza e il governo fa la politica che chiedono i preti: scuola privata, leggi sulla bioetica, copie di fatto, testamento biologico e altri ammennicoli di vario genere (edilizia, rifiuti, ici, ecc.). Il cesaropapismo imperante.

Poi all’improvviso scoppia l’estate Berlusconi «gaia e irresponsabile»: la moglie lo accusa di essere un malato psichico, di frequentare minorenni, di dare cariche pubbliche e di governo a donnine in cambio di favori sessuali. … Inizia il finimondo perché il vaso di pandora delle ignominie del capo di governo esplode: le sue ville, equiparate da lui a residenze ufficiali di governo (imponendo il segreto di stato), sono scenari aperti di prostituzione: si parla di tratta di donne «a carrettate», di droga, di favori sessuali a pagamento. Gli sprovveduti vi hanno visto un «fatto privato», ma così non è perché emerge la ricattabilità del capo del governo che è stato ripreso sul letto di Putin, nudo, in accappatoio, attorniato da donne armata di registratori e telefonini. Lo scandalo diventa mondiale. Tutta la stampa libera mette nell’angolo Berlusconi che ormai è finito. Basterebbe una parola del Vaticano o dei vescovi per farlo fuori.

La Cei disorientata tace per mesi, ma poi spinta dalla ribellione del popolo cristiano, comincia a timidamente a balbettare qualcosa di critico sul suo giornale Avvenire. L’«affaire» è gestito direttamente dal direttore, Dino Boffo, che non agisce da solo, ma in concertazione con la presidenza della Cei (Angelo Bagnasco e mons. Mariano Crociata).

Apriti cielo e squarciati, terra! Il Vaticano di Bertone annusa il pericolo e corre ai ripari: manda avanti il direttore dell’Osservatore Romano, Gian Maria Vian, prete mancato, a vantarsi pubblicamente che l’organo della santa Sede non ha mai accennato minimamente alle «vicende personali del premier Berlusconi». Il segnale è forte e chiaro e Berlusconi lo coglie in tutta la sua portata….. Il 26 settembre viene montato su una finta casualità per fare incontrare Berlusconi e il papa a Ciampino, facendo finta che mentre uno (papa) sta partendo per Praga, l’altro stia arrivando e, guarda caso, si incontrano a metà della pista e non possono non salutarsi. Purtroppo, le telecamere hanno ripreso non solo le immagini, m anche le parole del papa che si rivolge al pesce lesso con le parole: «Che gioia incontrarla, caro presidente» e questi gongolando si prostra indecorosamente in baciamano degne della migliore mafia.

Originale

Annunci

Una Risposta

  1. UN ALTRO ESEMPIO DI BACIAPILISMO DEL PIDUISTA OPUSISTA BERLUSKLAUN: IL TESTAMENTO BIOLOGICO
    I gerarchi dell’Ekklesia, seguendo le mire politiche del pretoriano-giudeo-cattolico Paolo di Tarso, vogliono conquistare il mondo intero ed il potere di vita e di morte su chiunque. Il monito e le minacce dei monsignori sono chiarissime. Dal canto suo, il governo italiano fellone ha abolito, con il suo comportamento complice, i diritti civili del paese. Negli USA e negli altri stati dell’Unione Europea esistono legislazioni che tutelano la libertà del malato all’autodeterminazione ed al rispetto delle sue volontà circa le cure da scegliere, fra cui anche l’alimentazione e l’idratazione forzate, tramite direttive anticipate (Testamento Biologico), prima di divenire incapaci in condizioni di SVP.
    Immaginiamo, anche se non lo auguriamo a nessuno (gli atei non amano simili sortilegi), il Premier che va per 17 anni al capezzale mortuario di Marina o di Barbara. Siamo fermamente convinti che egli non avrebbe mai e poi mai impiegato quell’espressione maldestra sulla fertilità, espressione non aggiustabile in chiave ironica come di solito fa con le sue notorie gaffe, ormai sulla bocca di tutto il mondo civile: Eluana è “una persona viva, che respira in modo autonomo, le cui cellule cerebrali sono vive e mandano anche segnali elettrici. Una persona che potrebbe anche avere un figlio” . Queste sono riflessioni da liberticida, che gongola di fronte agli orrori di un’esistenza vampiresca e da poltergeist. In un paese libero da invadenze extraterritoriali, in casi come questo, sarebbero arrivati perlomeno due infermieri che avrebbero portato via il soggetto in ambulanza, per sottoporlo ad accurati accertamenti. E Ratzinger-Berlusconi si autoproclamano a favore della Vita? Allora due sono le cose: O hanno completamente perso il senso dell’esistenza, a forza di discettare soltanto su questioni di morte. Oppure lo stanno facendo per chissà quali sporchi interessi (i troppi soldi e i troppi dogmi, accompagnati da troppi denari danno alla testa)! 30.000 bambini muoiono al giorno di fame e di sete: perché il Caimano nostrano e quello dello stato estero non fanno qualcosa di tangibile? Chi non s’indigna più di fronte a simili riflessioni dispotiche, ha già rinunciato alla propria dignità, ha già rinunciato alla propria libertà di scelta e si è consegnato mani e piedi alla barbarie necrofora, “spacciata per vita” dai talebani-cattolici.
    LA RELIGIONE CHE UCCIDE
    COME LA CHIESA DEVIA IL DESTINO DELL’UMANITÀ

    http://alessiodibenedetto.jimdo.com/novita-2010/
    http://www.macroedizioni.it/libri/la-religione-che-uccide.php
    http://www.macroedizioni.it/libri/la-religione-che-uccide.php

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: