Missionari pedofili tra gli eschimesi I gesuiti pagheranno i danni

Da Repubblica.it:

<B>Usa, missionari pedofili tra gli eschimesi<br>I gesuiti pagheranno i danni</B>Thomas Cheemuk visita la tomba del fratello, vittima dei missionari pedofili e morto suicida nel 1999

NEW YORK – La Compagnia di Gesù pagherà 50 milioni di dollari per risarcire 110 eschimesi che subirono abusi sessuali da religiosi gesuiti quando erano bambini o adolescenti, tra il 1961 e il 1987.
Gli scandali nella Chiesa americana continuano a rivelare nuove e inaspettate storie, cominciati nel 2002 a Boston, sembravano dover finire con il grande accordo di quest’estate tra la diocesi di Los Angeles e 508 persone che erano state molestate o stuprate negli ultimi settant’anni.

Ma ora dall’Alaska arriva la notizia che per tre decenni in 15 minuscoli villaggi, tra i più isolati e remoti al mondo, abitati dagli Yupik, che insieme agli Inuit formano il popolo eschimese, si sono ripetute violenze e abusi da parte di una decina di preti e da tre missionari della Compagnia fondata da Ignazio di Loyola.

Originale

Annunci

Una Risposta

  1. <<Allora ci chiediamo: Chi sta soffiando ancora sul fuoco del Parlamento di Strasburgo che non vuole – per ovvie ragioni storiche e sociopolitiche – riconoscere le fantomatiche radici “giudaico-cristiane” dell’Europa? Chi continua a tenere la Russia lontana dal consesso europeo, dal momento che storicamente e geograficamente fa parte della nostra cultura. E perché mai i paesi balcani, dopo la loro preventiva distruzione del 1994, stanno entrando pian piano nella Comunità europea? Ma perché non chiediamo il trasferimento del Governo Vaticano al Polo Nord, affinché i suoi chierici insegnino la buona novella agli Eschimesi ed imparino dal freddo gelido a riscaldare un po’ il loro cuore di ghiaccio?
    Questo era il nostro auspicio iniziale, ma poi siamo venuti a sapere che…
    Dopo lo scandalo in Alaska a carico della Compagnia di Gesù (110 violentati tra il 1959 e il 1986, con relativo risarcimento di 50 milioni di dollari), l’avvocato delle vittime, Ken Roosa ha affermato che “In alcuni villaggi eschimesi è difficile trovare un adulto che non sia stato sessualmente abusato” . Patrick Wall, ex monaco benedettino, consulente degli avvocati nei processi, ha dichiarato che le gerarchie gesuite erano a conoscenza delle tendenze dei sacerdoti accusati, in quanto avevano già commesso molestie altrove, ma sono stati lasciati liberi di agire senza nessun controllo:

    «Avevano il potere assoluto sulle persone e sulla cultura del luogo. Avevano il potere politico. Avevano il potere della razza. Avevano il potere di farti andare all’inferno. Per le vittime non c’era via di scampo» .
    da: LA RELIGIONE CHE UCCIDE
    COME LA CHIESA DEVIA IL DESTINO DELL’UMANITÀ

    http://alessiodibenedetto.jimdo.com/novita-2010/
    http://www.macroedizioni.it/libri/la-religione-che-uccide.php
    http://www.macroedizioni.it/libri/la-religione-che-uccide.php

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: