Marco Travaglio – Andreotti e la PEDOFILIA NEL CLERO

NDR:

Credo che la pedofilia tra il clero e le religiose rispetto alla popolazione “normale” in proporzione sia molto maggiore. Mi risulta che la stragrande maggioranza delle violenze su donne e bambini avvengano in famiglia. La Chiesa continua a sostenere a spada tratta la sacralità della famiglia, l’indissolubilità del matrimonio anche quando si è trasformata in un inferno di ingiustizie e di violenze continue…

Secondo la Chiesa, S. Paolo è fonte e parametro indiscutibile di verità rivelata. Pertanto, anche se oggi la Chiesa  non parla apertamente in questi termini tuttavia non può non sostenere ancora le stesse “verità rivelate” per cui, in concreto, per la dottrina Cristiana esite ancora il “dovere coniugale (sessuale)” . Su “San Paolo e le donne” troviamo una breve sintesi della dottrina paolina in relazione alle donne da cui risulta evidente che l’”Apostolo delle genti” insegna che le donne sono inferiori agli uomini e debbono ubbidire ai mariti (ndr. in tutto).

Per maggiore completezza, vedere: Stupri continuati, approvati e legalizzati

Annunci

2 Risposte

  1. San Paolo non ha detto solo quello; ha detto anche che “Ogni autorità viene da Dio, e chi si ribella all’autorità si ribella a Dio”. Penso che se gli ateisti, nelle discussioni politiche con cristiani, ricordassero questa sentenza, chiarissima, categorica del n2 della loro religione, ne deriverebbero situazioni quasi buffe: quelli, praticamente una volta su due (cioè tutte le volte che non sostengono bensì contestano con energia un regime, un governo, un capo militare, un sindaco, una legge) si troverebbero sùbito con le spalle al muro. Due esempî: nel 1956 il cardinale Mindzsenty guidò la reazione bianca in Ungheria (a mio giudizio, facendo cosa pessima): ebbene, a parte ogni altra considerazione, contravvenne all’insegnamento di san Paolo. Altro esempio: adesso (siamo nell’agosto 2014) i tagliagole musulmani dell’ISIL , che hanno stabilito la loro autorità su parti della Siria e dell’Iraq, tagliano appunto la gola ai cristiani (oltre che a sciiti e yazidi) che non si convertono: ebbene, secondo san Paolo l’autorità di costoro viene da Dio e quindi ribellarsi all’ISIL (cosa a mio giudizio ottima) vorrebbe dire ribellarsi a Dio. E la cosiddetta obiezione di coscienza all’aborto, non costituisce ribellione all’autorità e quindi a Dio? Grazie.

  2. Grazie Carlo. Osservazione giustissima ed utile a mostrare certe contraddizioni e assurdità palesi……. Non a caso, la Chiesa fu decisamente contraria alla democrazia e la condannò ufficialmente in vari modi; salvo poi a farsene ipocritamente paladina una volta vista l’impossibilità di vincere il confronto con la cultura comune…. Ancora non a caso la Chiesa predilige i dittatori: le sue radici e il suo “DNA” sono legati a quanto riporti di S. Paolo, confermato da tanti altri “padri della Chiesa”, e dalla “tradizione”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: