L’attacco finale del Cavaliere

Da MicroMega:

Berlusconi ha dichiarato guerra alla democrazia liberale. Questo, e nulla di meno, rappresenta l’insieme di ingiurie che ha vomitato, prima a caldo e poi a freddo, contro la Corte Costituzionale, cioè il supremo arbitro della legalità repubblicana (e contro il presidente Napolitano). Se Obama si permettesse contro la Corte Suprema anche un decimo delle volgarità berlusconiane, l’impeachment scatterebbe dopo cinque minuti, richiesto a gran voce da maggioranza e opposizione e dal coro indignato dei media.

La democrazia liberale, infatti, a differenza di quella giacobina, si basa sul “governo limitato”, cioè su un esecutivo che non può mai esondare i limiti della Costituzione, quale che sia il consenso popolare di cui gode. E l’argine contro ogni tentazione dispotica è appunto la Corte Suprema, la Corte Costituzionale, la sua autonomia e superiorità rispetto al governo.
Per Berlusconi tutto questo è ostrogoto.

Originale ompleto

***

Forse non dovremmo sottovalutare la capacità che ha Berlusconi di perseguire obiettivi e organizzare campagne a lungo termine: ha trovato un punto di forza che può far presa sul grande pubblico: il consenso popolare; basandosi su questo, con colpi mirati e sempre più forti, trova e soprattutto costruisce dei nemici “fantoccio”, li demonizza e li discredita: visto che i “comunisti” e l’opposizione o sono appena in grado di sopravvivere o si distruggono da soli ingigantisce enormemente la loro forza e i loro aspetti negativi passati e superati da molti decenni…..; trascinato dai suoi problemi giudiziari, ha screditato ed irriso i giudici e la magistratura, ha affermato che la costituzione è stata scritta dai comunisti, inventa poteri forti che vorrebbero rovesciare il mandato popolare, afferma continuamente che la stragrande maggioranza della stampa, la stampa estera, sono contro di lui e perseguono disegni eversivi, si dichiara vittima pur essendo “il migliore”, ecc…

Sembra che, stranamente, nessuno tra i collaboratori di Berlusconi o tra la sua maggioranza (a parte, a volte, Fini) provi a correggere il premier sul fatto che il consenso popolare non lo pone al di sopra delle istituzioni che, proprio per difendere i diritti di tutti, specialmente delle minoranze, non deve essere legata a maggioranze di parte del momento….Anzi, assistiamo a molte voci di consenso a questa convinzione (o finta/opportunistica convinzione) di Berlusconi

Annunci

2 Risposte

  1. Se Berlusconi governa indisturbato senza sollevazioni popolari, evidentemente questo significa che almeno la maggioranza degli italiani è con lui. Delegittimare il premier, significherebbe delegitimare il popolo visto che è il popolo a scegliersi il proprio Presidente del Consiglio!Purtroppo noto che in giro certi partiti, consci della loro debolezza e incapacità di far cadere il Premier, si basano su forze esterne, come la Magistratura e la stampa estera. Con risultati invisibili, visto che Berlusconi rimane ancora lì. Non credo che il popolo sia contro Berlusconi, anzi!Bisognerebbe forse tenere conto di questo se veramente vogliamo difendere i valori della democrazia!

    Tommaso

  2. Io mi sento di affermare la mia totale disapprovazione per ciò che Tommaso dice. Infatti sono convinta del fatto che non i partiti politici contrari alla politica di Berlusconi, non certi giornalisti di qualche corrente politica opposta a quella del premier usino certi scoop o scandali degni di impeachment per far cadere il suo malato governo. Il fatto è che tutto ciò è creato per mano stessa del premier. Per quanto riguarda la parte del popolo non mi voglio più esprimere visto che le sue scelte mi stupiscono sempre di più. In una lettera alla figlia Giovanni GIolitti scrisse che in politica non si tratta di scegliere tra bene e male ma tra mali diversi: a mio avviso questa volta gli italiani hanno scelto il peggiore tra i mali. Sarà pur stato scelto dagli italiani ma il 30% di loro ora sono dei pentiti per averlo fatto. Sono pur che convinta che se ora si andasse alle elezioni il risultato sarebbe molto diverso, altrimenti non saprei spiegarmi la sua paura delle elezioni anticipate…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: