Flores d’Arcais: Il coraggio di Beppino nell’Italia khomeinista di Berlusconi

Da MicroMega:

….L’Italia della barbarie, invece, ha scatenato contro quest’uomo coraggioso e senza retorica una campagna inqualificabile di odio e di linciaggio morale, arrivando alla mostruosità di dargli dell’ “assassino” per l’amore con cui, sacrificando diciassette anni della propria vita, ha voluto tener fede alla volontà di sua figlia.
Questa campagna di odio e di linciaggio morale, questa ingiuria abominevole di “assassino”, è dilagata dai pulpiti dei cardinali di santa romana chiesa, dai talk show catodici di neo predicatori fondamentalisti e perfino, con una irresponsabilità che lascia sbigottiti, dal parlamento della Repubblica, che pure nella sua Costituzione garantisce a ciascuno l’inviolabilità del proprio corpo, il rifiuto di qualsiasi intervento sanitario, ne dovesse andare della propria vita.
Perché la tua vita non appartiene allo Stato e non appartiene alla Chiesa, la tua vita appartiene solo a te che la vivi.
Ma Sacconi e Berlusconi proprio questo elementare diritto hanno voluto e vogliono calpestare, in una dismisura di servilismo verso la Chiesa gerarchica di Ratzinger. Il decreto legge prima e il disegno di legge poi impongono infatti il sondino obbligatorio al malato che non è in grado di provvedere a se stesso, quale che sia la volontà del paziente. Contro ogni sua espressa, reiterata, solenne, gridata e implorata volontà, dunque.
Per ottenere questo obiettivo khomeinista, che renderà la Chiesa e lo Stato sovrani sul tuo corpo, Berlusconi (e i suoi yes-men and women) è pronto a fare a pezzi la Costituzione. ……
Berlusconi e i suoi yes-men hanno utilizzato il dramma di Eluana per sovvertire gli equilibri tra i poteri dello Stato garantiti nella costituzione (garantiti a garanzia dei cittadini, tutti e singolarmente presi). Hanno considerato carta straccia una sentenza della magistratura passata in giudicato (e approdata perfino in una corte europea), hanno diffamato col sanguinoso epiteto di “assassini” non solo Beppino Englaro ma tutti i magistrati che hanno riconosciuto il diritto di Eluana a non essere più un corpo torturato, tutti i medici e gli infermieri che si sono presi cura della sua volontà, e infine tutti gli italiani capaci di umanità e di pietas, che il diritto di Eluana hanno sostenuto. Hanno aggredito con becera violenza la massima carica dello Stato solo perché obbediva alla Costituzione e si comportava coerentemente come il suo “custode”.

Testo completo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: