D’Alema: Serve una classe dirigente che difenda la laicità dello Stato

Da Cani Sciolti:

Su grandi temi come il testamento biologico “una grande forza politica non può accontentarsi di dire che c’è libertà di coscienza, ci mancherebbe che non ci fosse, ma prima deve dire la sua posizione”. E’ Massimo D’Alema a chiedere chiarezza al Pd, sottolineando che la sua posizione è “che bisogna fare una legge che riconosca la libertà delle persone”.

“E’ assurdo – osserva l’esponente democratico intervistato a ‘Otto e mezzo’ su La7, che se io resto cosciente posso decidere di quali trattamenti medici posso essere oggetto e quali no e se perdo coscienza decide lo Stato che fare sul mio corpo. Non avviene in nessun paese civile”.

D’Alema contesta “questa distinzione fra trattamenti medici e idratazione e alimentazione artificiale: non esiste nella scienza medica e in nessuna legislazione. Stiamo discutendo di una persona in coma che può essere nutrita – spiega – attraverso un foro nello stomaco che gli pratica un chirurgo e sostanze che vengono prescritte dal medico. Si tratta di attività artificiali che vengono fatte sotto controllo e prescrizione medica, quindi questa distinzione non ha nessun senso”.

Seguito

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: