Papa Ratzinger, è dio che decide chi è uomo e chi è donna

Da Tra Scienza e Umanesimo:

Un giorno sembra che il papa voglia rivalutare la figura di Galileo, facendo intendere che il lavoro del padre della scienza moderna fosse finalizzato ad esplorare i più insormontabili misteri che conducono a dio. Nulla di più falso. Galileo era semplicemente un gran curioso e un gran metodico al quale fecero forzosamente dire che la scienza era in linea coi dettami del creatore. Dalle carte risulta che egli fu condannato dalla Santa Inquisizione : il 22 giugno 1633 Galileo fu riconosciuto colpevole di: “aver tenuto e creduto dottrina falsa e contraria alle Sacre e divine Scritture, ch’il Sole […] non si muova da oriente ad occidente, e che la Terra si muova e non sia centro del mondo”.

Ma dalle medesime carte ufficiali del processo risulta anche che egli fu sottoposto a “rigoroso esame”.

E parendo a noi che tu non avessi detto intieramente la verità circa la tua intenzione, giudicassimo esser necessario venir contro di te al rigoroso esame; nel quale, senza però pregiudizio alcuno delle cose da te confessate e contro di te dedotte come di sopra circa la detta tua intenzione, rispondesti cattolicamente.”

Il rigoroso esame, per chi non lo sapesse, era la tortura; ma questo nessuno lo ricorda, e i più tendono a dimenticare e a far dimenticare questo piccolo particolare. Una sorta di damnatio memoriae, o, se volete, una delle tante forme di quel negazionismo che oggi è tanto di moda per dare un calcio ad evidenze storiche di assoluto rilievo.

A ciò si aggiunga che sempre il buon Benedetto XVI, in una lectio magistralis all’università di Parma nel 1990, nella maniera più callidamente professorale possibile, riportò il proprio pensiero attraverso la famosa citazione di Feyerabend: “il processo a Galileo fu giusto e ragionevole”. Furbizie teologiche di ritorno.

Un altro giorno invece (per la precisione oggi) rientrando precipitosamente dalle liberali illuminazioni delle rivalutazioni storiche, entrando di nuovo nel campo che conosce meno di tutti, quello cioè della scienza, il Papa si riappropria nuovamente e a pieno titolo del ruolo che più gli compete, quello di fulgido detrattore sia della ragione che della ragionevolezza; proponendo un pensiero nel quale lo stesso creatore troverebbe qualche difficoltà a trovarsi coinvolto. Ratzinger dice, rivolgendosi alla Curia Romana nel tradizionale saluto di Natale: “Non è l’uomo che decide, è Dio che decide chi è uomo e chi è donna”. L’interpretazione più benevola di questa, a sua volta, interpretazione della volontà del Creatore, è che si tratti di una riflessione metapuerile, ben al di là della soglia minima di distinzione fra il pensiero adulto e quello più genuinamente fanciullo nella ben nota ripartizione delle età dell’uomo. L’interpretazione più malevola è quella di un maschilismo teologicamente e culturalmente mai sopito in certo cattolicesimo dottrinario e integralista. Quello, per intenderci, che resiste con tutte le proprie forze al ruolo paritetico fra uomo e donna, per esempio all’interno della funzione mediatrice della messa nei rapporti con dio. Quello per cui è sempre e solo l’uomo che può far da tramite fra il fedele e dio stesso.

Testo completo

****

Sarebbe Dio a decidere chi nasce con malformazioni e chi no?

In caso affermativo, è lecito correggere le malformazioni?

Chi ricorre a operazioni per modificare il proprio sesso lo fa perchè prova una radicale contraddizione tra il proprio modo di sentire e il proprio aspetto corporeo. Quanta sofferenza, quanti dubbi, quanta vergogna,  quante difficoltà, ecc…. Una volta fatto l’intervento continuano i problemi per l’incomprensione e la derisione comune…

Chi decide questo passo non lo fa certo per un semplice capriccio!

Dio avrebbe deciso che questi individui vivessero in costante profondo contrasto tra il loro intimo e il loro corpo e non vorrebbe che, potendo, si facesse il possibile per correggere il problema? Che malvagità certi “vicari di Dio” gli attribuiscono!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: