«C’è una tappa oltre la quale la vita non è più vita»

Da Resistenza Laica – Tiziana Ficacci per NoGod

L’associazione francese Admd, Associazione per il diritto di morire nella dignità, conta 44.000 iscritti. Il suo scopo è di aiutare le persone che chiedono l’eutanasia a rendere pubbliche le loro storie private, e ha aiutato a far conoscere ai francesi la triste vicenda della signora Claire Blanc.

Blanc vive nella regione di Montpellier. Sei anni fa, quando aveva solo 25 anni, le diagnosticarono il morbo di Ehlers Danlos, una malattia genetica, un difetto molecolare nel collagene V, componente di pelle e tendini. La malattia colpisce le articolazioni con dolori cronici e porta ad una progressiva debilitazione muscolare. Lentamente conduce alla paralisi e nel frattempo si verificano disturbi cardiaci, perdita della vista, rottura dei vasi sanguigni.

Claire Blanc, che ha dovuto interrompere il suo lavoro di infermiera e che vive col piccolo assegno di invalidità di 620 €, abita col suo compagno e dice “mon corps est en total appel d’un désir enfant”, ma i medici sconsigliano una gravidanza. Blanc dice che presto sarà “totalmente immobile, costretta a letto, interamente dipendente, dovranno mettermi la padella, non potrò né leggere né guardare la tv. Sarò piena di antidolorifici e non sarò in grado di avere una conversazione. Ha un senso questo?” e ha scritto una lettera al presidente francese e al ministro Roselyne Bachelot per denunciare che nel suo paese “è impossibile andare via con dignità”.

Il caso di Blanc pone interrogativi nuovi: contrariamente al caso Humbert, in seguito al quale venne introdotta la legge Leonetti che consente la sospensione di cure ai malati più gravi, e al caso della signora Sébire, che chiedevano di poter usufruire dell’eutanasia immediatamente per porre fine alle loro terribili sofferenze, Blanc desidera essere sicura che fra pochi anni, quando la sua malattia le sarà impossibile da sostenere, potrà scegliere l’eutanasia. Per molti malati la possibilità di sapere che quella porta esiste ed è possibile aprirla, li aiuterebbe a vivere meglio anche nel dolore della malattia.

C’è una tappa oltre la quale la vita non è più vita, ma un’agonia irreversibile” (dalla lettera di Blanc a Sarkozy).

NoGod.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: