Il fallimento teologico del cristianesimo

E’ davvero incredibile come quella malattia dell’intelletto chiamata fede,giunga ad incancrenire in maniera totale la capacità di critica e di giudizio delle persone.Per dimostrare l’assurdità della teologia cristiana basterebbe ragionare un minimo sul significato e le modalità della morte del messia.Inanzitutto in Matteo 1,21,troviamo scritto “Ed ella partorirà un figliuolo,e tu gli porrai nome Gesù,perchè è colui che salverà il popolo dai suoi peccati.” Da questo passo si comprende come la venuta di Gesù sia riservata alla redenzione del popolo di Israele,e dunque non abbia un valore universale,non è destinata a tutti gli uomini del mondo,come ci vuole far credere la Chiesa.Seconda cosa,non per ordine di importanza è cosa deve fare Cristo per redimere l’uomo:egli deve morire per mano dell’uomo.Solo il brutale assassinio del figlio di dio permette la riconciliazione e la salvezza.Questa morte viene preannunciata diverse volte come ad esempio in Matteo 20,17-19,Marco 10,32-34,Luca 18,31-34:”Poi Gesù, stando per salire a Gerusalemme, trasse da parte i suoi dodici discepoli; e, cammin facendo, disse loro: Ecco, noi saliamo a Gerusalemme, e il Figliuol dell’uomo sarà dato nelle mani de’ capi sacerdoti e degli scribi;ed essi lo condanneranno a morte, e lo metteranno nelle mani dei Gentili per essere schernito e flagellato e crocifisso; ma il terzo giorno risusciterà.” Oppure:”Come dunque si adempirebbero le Scritture,secondo le quali bisogna che così avvenga?”(Mt 26,54).C’è un semplice fatto di fondo,su cui,chiunque abbia un minimo di cervello e non sia infettato dalla fede può benissimo capire.Se qualcosa deve avvenire per adempiere al volere divino e alle profezie LA LIBERTA’ UMANA E’ NEGATA.E questo fatto è inconfutabile.Se la morte di Cristo è necessaria per salvare l’uomo,e quindi deve avvenire per forza,per rispettare le profezie delle scritture e il volere del Padre,allora la libertà dell’uomo è negata.Se Cristo deve morire necessariamente,l’uomo è obbligato ad ucciderlo,per far sì che si realizzino le scritture.Ma allora non c’è libertà.Difatti se Gesù non fosse stato ammazzato,che fine avrebbe fatto il suo progetto di redenzione?Su questo punto,persino i credenti devono tirarsi indietro,poichè rappresenta in maniera inconfutabile il fallimento teologico della religione.
Se dio sa già come andranno le cose,noi siamo solo marionette che compiono ciecamente il suo volere.Dunque,la questione si può risolvere esclusivamente in due termini:
-Se dio esiste noi siamo schiavi del suo volere,poichè non può non avverarsi ciò che dio postula come profezia.
-Dio non esiste e noi siamo liberi.

Non mi sembra il caso di dire quale delle due soluzioni sia la più ragionevole.<!– –>

Annunci

4 Risposte

  1. Finalmente qualcuno che l’ha capito!
    E di contraddizioni ce ne sarebbero a bizzeffe da pubblicare e commentare, ma purtroppo i fedeli non si arrendono neanche davanti all’evidenza. L’unica possibilità che abbiamo è nei giovani, far si che vengano istruiti e che comincino a pensare con la propria testa.

  2. Già di per sé è assurda la favola del brutale assassinio di un innocente per volere di un dio amorevole…poi se questa morte ci rende tutti schiavi,allora ciò è davvero incompatibile,non solo con la moralità,ma anche con la ragione.
    I giovani devono essere educati alla critica e al giudizio autonomi,altrimenti divengono ciò che vuole la religione:schiavi spenti.

  3. Non per niente ogni dogma di fede è, per definizione, una negazione della facoltà di ragionamento insita nell’uomo, che però è un dono di Dio, la quale ci differenzia dalle bestie… qualcosa non torna.
    Inoltre Dio ci ama talmente tanto da averci condannato per generazioni, grazie ad una stupida mela! Newton almeno l’ha resa più utile! 😀

  4. Il sole bacia i belli e bacia i brutti. Il sole non parla e non dice menzogne. Il sole scalda i poveri come i ricchi. Se il sole si spegne è la fine di tutti noi comprese le religioni. Io penso che se noi dobbiamo credere in un dio basta alzare il viso verso il sole e godere del suo caldo abraccio. L’estate è il mio vangelo . Ciao da Emanuele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: