194: Moratoria sulla Laicità

Proposto da ParteAttiva:

Dopo la legge sulla fecondazione assistita e l’affossamento dei Dico, era inevitabile che si arrivasse a chiedere, e probabilmente ottenere, la modifica della legge 194 sull’aborto. Il vero obbiettivo del PdV, il partito del Vaticano, è appunto tornare a non vedere, non sentire, non capire, ma imporre sempre e comunque. Si è arrivati a strumentalizzare la moratoria sulla pena di morte equiparando una sentenza di condanna ad una scelta di coscienza, qual è l’aborto. Ma la disinformazione italiana è così capillare e costante fino al punto di cancellare i fatti.

Il diritto alla vita, al quale si ricollega la fantomatica moratoria sull’aborto, fu oggetto di tentativo, da parte dello Stato del Vaticano, di inclusione nel testo della moratoria sulla pena di morte approvato dalle Nazioni Unite. Il risultato, scontato fuori dai confini italici, fu negativo. Pensare di proporre una moratoria sull’aborto è davvero sconcertante anche in termini politici. E’ un’operazione destinata ad una sonora bocciatura da parte di tutti gli stati che nel corso degli anni hanno secolarizzato la sfera pubblica dei propri ordinamenti, garantendo ai propri cittadini libertà di coscienza in ogni vicissitudine che attiene esclusivamente alla sfera privata.

Quanto fa paura la libertà alla chiesa è noto a tutti quelli che amano il sapere. Ma sul tema dell’aborto, come su qualsiasi materia che in Italia viene definita “eticamente sensibile” tradendo la vera terminologia, che è quella di diritti civili, la chiesa, con la complicità – sudditanza di molti partiti politici, sta facendo calare una coltre di oscurantismo e regredimento culturale degna del miglior fascismo religioso.

La chiesa, così come viene gestita, è agli antipodi della società civile, e probabilmente tutto ciò non è una conseguenza casuale. Quanti in Italia si possono definire cattolici? La religione fai da te è quella che ha più seguaci, ma c’è chi, pur selezionando ciò che piace e ciò che non piace del cattolicesimo, come se esistesse un supermarket della religione, si definisce cattolico.

Convenienza spirituale o utilitarismo religioso? Forse nessuna delle due ipotesi, ma semplicemente abitudine, prigionia della ragione frutto di condizionamenti ambientali pregressi. Liberare lo stato Italiano dal giogo vaticano non è possibile, ma vivere la sfera privata in piena libertà di coscienza è una conquista che va difesa, sempre!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: